Aeroporto F.Cappa , Casale Monferrato

ATTREZZATURA DA PARACADUTISMO

L’attrezzatura da paracadutismo è composta da quattro componenti principali : Una sacca che funge da contenitore, una vela principale, una vela di riserva e un sistema automatico di attivazione della riserva. Il paracadute principale e quello di riserva sono ripiegati in una sacca apposita chiamata POD, mentre il paracadutista è imbragato al paracadute tramite una cinghia pettorale e due cinghie per le gambe, il tutto permette di rendere il paracadutista un tutt’uno con il paracadute.L’attrezzatura da paracadutismo ha fatto notevoli progressi negli ultimi anni. Al giorno d’oggi i paracadute rotondi si vedono raramente e sono stati sostituiti da moderne vele rettangolari “ram-air” che hanno un migliore controllo direzionale e offrono atterraggi più morbidi. I paracadute di riserva sono generalmente indossati sul retro sopra il paracadute principale, a differenza del vecchio sistema a montaggio anteriore, e i tessuti del paracadute oggi sono più durevoli. Le vele come attrezzature da paracadutismo sono solitamente realizzate in nylon a porosità zero che dura per migliaia di salti.

Nessun paracadute è affidabile al 100%. Tuttavia, la maggior parte dei malfunzionamenti deriva da un errore umano e non da un guasto meccanico. I principali malfunzionamenti del paracadute possono solitamente essere ricondotti a un ripiegamento inadeguato, a una tecnica scadente al momento dell’apertura o a un’ispezione pre-lancio inadeguata. Questi errori rendono necessario portare con sé una riserva oltre al paracadute principale. Enac l’ente italiano per l’aviazione richiede che il paracadute di emergenza venga ispezionato e ripiegato ogni 180 giorni (indipendentemente dal fatto che venga utilizzato o meno) da un ripiegatore certificato ENAC. In caso di malfunzionamento, il paracadutista sgancia il paracadute principale tirando la maniglia dello sgancio e trazionando una seconda maniglia attiva il paracadute di riserva.

Le scuole di paracadutismo forniscono ai propri studenti tutta l’attrezzatura necessaria durante l’allenamento. Dopo essersi diplomati alla scuola, i paracadutisti possono continuare a noleggiare l’attrezzatura, ma la maggior parte acquista la propria. Un paracadutista può dotarsi di equipaggiamento idoneo al volo per un prezzo compreso tra i € 3.000 e € 7.000.

Come Funziona Un Paracadute

Riepilogo : la sequenza dell’apertura principale del paracadute si basa su una serie di parti interconnesse che entrano nel flusso d’aria in ordine. Sono disponibili diversi sistemi che variano leggermente, compresi gli attrezzi progettati per la formazione degli studenti.

Attivazione : Un piccolo paracadute rotondo, chiamato pilotino, è ripiegato in una custodia esterna sul fondo della sacca. Per iniziare l’apertura , il paracadutista estrae pilotino dalla custodia e lo lancia nel flusso d’aria circostante.

Il pilotino è attaccato al resto del paracadute tramite un pezzo di tessuto o nastro, chiamato bridle. A metà della bridle c’è un pin (spinotto) che tiene chiuso il contenitore principale del paracadute. Quando il pilotino si gonfia nel flusso d’aria, tira il pin, aprendo così il contenitore principale del paracadute. Il Pilotino e il bridle estraggono quindi un contenitore chiamato POD contenente il paracadute principale.

Quando il paracadutista estrae e rilascia il pilotino, le funi si rilasciano una alla volta fino a quando non sono completamente tese. Con il rilascio delle funi dall’esterno della pod, la pod è ora aperta, consentendo al paracadute principale di uscire e gonfiarsi.

Gonfiaggio : le vele Ram-air sono costituite da una serie di cassoni gonfiabili o “celle”, collegati fianco a fianco lungo la loro lunghezza. Ogni cella è progettata per formare la sezione trasversale di un profilo alare, quindi quando il paracadute si gonfia, forma una calotta a forma di ala, pronta per il volo.

La parte anteriore di ciascuna cella è aperta all’aria e la parte posteriore è cucita chiusa. Una volta gonfiato, la vela ram-air è equiparabile all’ala di un aereo. È attaccato al paracadutista con il la parte frontale rivolta verso il basso per mantenerlo gonfiato e volare in avanti.

Il paracadutista vira e fa atterrare la vela utilizzando due funi di controllo attaccate lungo la parte posteriore dell’ala vicino a ciascuna estremità. Quando entrambe le maniglie vengono tirate, l’ala rallenta, facendo oscillare in avanti il ​​paracadutista, inclinando momentaneamente l’angolo di volo dell’ala verso l’alto, nello stesso modo in cui un aereo si approccia per l’atterraggio.

Dispositivo di attivazione automatica (AAD)

L’ADD è un dispositivo autonomo che calcola la velocità di discesa e l’altitudine e apre la vela di riserva ad un’altitudine preimpostata in caso di mancata apertura del paracadute principale. Nasce allo scopo di aprire in autonomia il paracadute di riserva nel caso il paracadutista abbia perso conoscenza. Grazie a questo dispositivo gli incidenti dovuti a mancate aperture del paracadute si sono praticamente azzerati come si può leggere in questo articolo ” Incidenti nel paracadutismo “ .

Reserve Static Line ( RSL )

Attaccato alle bretelle del paracadute principale per attivare il paracadute di emergenza se il paracadute principale viene sganciato durante un’emergenza.

Tuta

Non obbligatorie, ma hanno funzioni diverse a seconda della disciplina del paracadutismo. Tessuti specializzati e diverse lavorazioni sartoriali aiutano a controllare la velocità di discesa e danno al paracadutista un maggiore controllo in caduta libera. Le tute attillate realizzate con materiali scivolosi consentono una velocità di caduta più rapida per le persone più piccole, mentre le tute grandi, simili a tele, forniscono una velocità di caduta più lenta per le persone più grandi.

Altimetri

  • Gli altimetri visivi mostrano l’altitudine e sono generalmente indossati al polso o sulla parte anteriore del busto.
  • Altimetri acustici con allarmi preimpostati vengono indossati vicino alle orecchie per facilitare la consapevolezza dell’altitudine.

Casco

Richiesto per i paracadutisti studenti e indossato dai paracadutisti più esperti. Per gli skydiver esperti, si va dai caschi in pelle stile aviatore ai caschi rigidi tipo motociclista a copertura totale, realizzati appositamente per il paracadutismo.

Occhiali

I Paracadutisti indossano occhiali o occhiali da sole per proteggere i loro occhi dalle velocità di caduta libera che vanno intorno ai 200 kmh.

Share the Post:

Related Posts

Privacy Policy